Monopattino Segway ninebot es2
Foto Monopattino Ninebot Es2

Se da tempo stai cercando un monopattino elettrico, comodo e pratico da utilizzare quotidianamente, ad oggi la scelta è davvero limitata e sostanzialmente ricade tra due prodotti:

  • Ninebot ES2
  • Xiaomi MI M365

Voglio fornirti un metro di paragone dato dalla mia esperienza personale. Ecco quindi la recensione del Ninebot Segway ES2 ed il perché di questa scelta.

Scheda tecnica Ninebot Segway ES2

Velocità max dichiarata: 25 km/h | Velocità max raggiunta con modalità Sport: 27 Km/h con un peso di 70Kg

Autonomia batteria dichiarata: 25 km | Autonomia batteria effettiva: 15km

Pendenza max affrontabile: 10%

Peso: 12,5 kg

Dimensioni: aperto 102x43x113 cm – chiuso 113x43x40 cm

Dimensioni delle ruote: frontale 20 cm – posteriore 19.2 cm

Pneumatici: pneumatici in gomma piena

Sospensioni: sospensione anteriore e posteriore

Motore: 300 W

Batteria: 13000 mAh /187 Wh

Tempo di ricarica: 3,5 H

Resistenza all’acqua: IP54

Prezzo: Dipende dal periodo, da un minimo di 325€ (sotto il Balck Friday) ad un max di 495€

Di che “pasta” è fatto?

La prima cosa che salta all’occhio è la presenza di una lega speciale che lo rende, allo stesso tempo, resistente e leggero. Si tratta di un materiale aerospaziale di altissima qualità.

La scelta – perché il Ninebot ES2 e non Xiaomi MI

Rispetto al suo rivale diretto, lo Xiaomi Scooter M365, nel monopattino elettrico Ninebot ES2 ci sono un alcuni dettagli importanti che mi hanno convinto ad acquistarlo. Posso tranquillamente considerarli come dei veri e propri cavalli di battaglia.

  • Le ruote piene del Ninebot Segway in esame sono una sicurezza per evitare di rimanere a piedi! Nello Xiaomi M365 la possibilità di forare gli pneumatici è abbastanza elevata, in quanto le camere d’aria sono molto soggette a questo tipo di danni. Ti lascio il link al canale di Sana Tecnologia, che spiega egregiamente sia come sostituire le gomme dello Xiaomi Mi sia tutte le problematiche connesse a tale caratteristica.
  • La posizione delle batterie del Ninebot ES2 è riservata nella barra del manubrio, mentre nello Xiaomi Mi si trovano nella parte inferiore della pedana. Questa è un’altra caratteristica fondamentale. Difatti spesso, mentre si guida, capita di salire dei piccoli gradini e non tenendo conto delle distanze può capitare di incorrere in piccoli urti. Invece la soluzione di Segway fa in modo di evitare di danneggiare la batteria. 😊
  • Il freno del monopattino Ninebot ES2 si divide in due sistemi frenanti distinti. Il primo presente sul manubrio, una leva grigia disposta nella parte sinistra, il secondo quello manuale che puoi attivare con il piede in caso di necessità. Il freno elettronico è in grado di bloccare il veicolo in 4 secondi, passando dalla massima velocità a 0 km/h (davvero sicuro). Lo Xiaomi Mi (M365) dispone di un freno a disco attivabile con la leva, come quella delle biciclette, che in alcuni casi potrebbe creare problemi di frenata se la pavimentazione è viscida od eccessivamente consumata.

Unboxing

Il monopattino si trova all’interno di una grande confezione che, una volta aperta, fa capire subito il motivo dietro questa scelta. Difatti le dimensioni indicano che l’assemblaggio è davvero facile, visto che l’unico pezzo che devi montare non è altro che il manubrio. Se non vedi l’ora di fare subito un giro con il tuo nuovo monopattino elettrico Ninebot ES2, sarai presto accontentato. Facile ed immediato vero? All’interno dell’imballaggio trovi il monopattino, il manubrio da montare con le 4 viti attraverso la chiave che hai in dotazione, il manuale d’istruzioni, una vite di ricambio ed il caricabatterie.

Una volta collegato il manubrio allo stelo del monopattino, sei pronto per accenderlo e fare la prima prova in strada. Ti consiglio di scaricare l’applicazione, fondamentale per tenere sotto controllo ogni tipo di statistica come numero di km percorsi ed autonomia delle batterie. Ma non solo. È ottima anche per gestire diverse funzioni importanti quali il cruise control, ovvero la possibilità di bloccare la velocità e di evitare di tenere l’acceleratore sempre “schiacciato”.

Il cruise control di Ninebot ES2

Il cruise control, o letteralmente “Regolazione Automatica della velocità”, sta ad indicare la possibilità di tenere il monopattino in accelerazione senza dover premere il tasto apposito. La funzione si attiva da app e non devi fare altro che tenere premuto l’acceleratore per 5 secondi, entra in funzione completamente in automatico. Come riconoscere se si è abilitato? Un bip segnala l’attivazione del cruise control.

Alcune volte può capitare di sentir dire che si tratta di una caratteristica pericolosa. In realtà non lo è affatto in quanto, per disattivare l’accelerazione continua, basta semplicemente toccare qualsiasi leva che si ha a disposizione sul manubrio. E’ Utile? Molto, soprattutto se abbiamo lunghi rettilinei da percorrere. Il design è davvero accattivante, se ti piace lo stile moderno e minimale, questo modello di Ninebot Segway rappresenta perfettamente il concetto di hi-tech e contemporaneo insieme.

Semplice e pratico da trasportare

Si tratta di uno dei monopattini elettrici più facili da richiudere e trasportare. Nella parte anteriore della pedana si trova la leva in plastica che sgancia la struttura. Ora non resta che incastrare il gancio sull’alloggio destinato ed il gioco è fatto.

Parliamo un po’ di cosa sa fare

Ricapitolando, il Ninebot ES2 è un monopattino elettrico con motore da 300 W con un picco massimo che arriva a 700 W. La sua accelerazione massima è di 27 Km/h e si può scegliere tra ben 3 modalità di guida differenti. Ti sto parlando di:

  1. Modalità Eco: 12 km/h
  2. Modalità Standard “S bianca”: 22 km/h
  3. Modalità Sport “S rossa”: 27 km/h

Grazie alla modalità Eco si può procedere con calma e cautela in situazioni con traffico elevato. Invece, in Standard si può tranquillamente guidare quando le condizioni di marcia sono nella norma. Infine con la modalità Sport invece ci si può divertire.

La batteria

La batteria è di 187 Wh, il che permette un utilizzo a modalità miste di circa 15 km di autonomia. Fortunatamente è possibile acquistare una seconda batteria, facile da installare e da poter integrare, direttamente all’interno dello stelo del manubrio. In questo modo, la soluzione appena citata, ti permette di poter percorrere fino a 40 km (dichiarati dalla Segway, noi dobbiamo ancora testarla!). Si ricarica attraverso un classico caricabatterie, molto simile a quello dei laptop, collegato alla presa della corrente. Questo permette una ricarica totale in circa 3,5 ore.

Il tutto è gestito da un sistema intelligente BMS. Questo permette di poter analizzare le batterie e dare le informazioni relative consultabili dal guidatore. Non male direi. Lo stato di consumo può essere monitorato sia dal display che direttamente dall’app. Inoltre puoi stare tranquillo perché, il pacco batterie, è in grado di proteggersi da:

  1. Sovraccarico di tensione;
  2. Cortocircuito;
  3. Sovracorrente;
  4. Surriscaldamento.

L’impianto frenante

Dispone di un freno elettronico dotato di sistema antibloccaggio eABS che si attiva comodamente con una leva di colore grigio posta sul manubrio. Il sistema è inoltre in grado di trasformare l’energia prodotta durante la decelerazione in energia per la batteria, funzione tuttavia non facilmente riscontrabile. Il secondo freno è manuale ed è la classica leva-parafango posta sopra la ruota posteriore ed azionabile mediante l’uso del piede.

Il sistema d’illuminazione

Anche il kit luci è davvero utile e performante. Troviamo un faro LED frontale, da 1,5 W, due luci LED laterali poste affianco della ruota posteriore e lo stop di egregie dimensioni. La grande innovazione è rappresentata dai 16 LED posti sotto la pedana, ai quali è possibile cambiare il colore attraverso l’app. Il faro anteriore può essere attivato tenendo premuto il tasto di accensione sul display.

Anche il display gioca una funzione non indifferente. Difatti dallo stesso è possibile avere sempre sotto i propri occhi:

  • Il tachimetro
  • Lo stato del Bluetooth
  • La batteria
  • Gli errori
  • La modalità di guida

Si comporta veramente bene in strada

Per i più esperti, l’usabilità è davvero semplice. Dopo aver effettuato la prima corsa obbligatoria in modalità eco, ovvero a 12 km/h, si è subito pronti per un utilizzo vero e proprio in strada. Per chi non avesse mai utilizzato un mezzo a due ruote, è necessario qualche minuto di pratica in più. Ricordiamo che per l’attivazione del veicolo è necessaria la prima spinta con il piede, sia per legge sia per evitare che premendo accidentalmente la leva dell’acceleratore il monopattino possa attivarsi all’improvviso colpendo accidentalmente qualcuno.

Durante la guida qualsiasi imperfezione del manto stradale creerà delle vibrazioni percepibili, ma sono ben ammortizzate in parte dal doppio sistema di ammortizzazione presente nel Ninebot ES2. Il primo è situato verticalmente sotto la ruota anteriore, mentre il secondo è posto orizzontalmente sotto alla ruota posteriore.

  • Portabilità: il facile sistema di chiusura ed apertura permette una rapida trasportabilità del mezzo. Una volta chiuso è possibile trasportarlo come un trolley sfruttando la ruota posteriore. A discapito di questo dovrai fare i conti con i 12,5 kg di peso che potrebbero crearti dei problemi, soprattutto se devi salire o scendere delle scale.

Il nostro parere sul Ninebot ES2

Nel complesso, possiamo giudicare il monopattino elettrico Ninebot ES2 performante. La guidabilità trasmette stabilità e sicurezza e la velocità supera le aspettative. Anche l’autonomia è degna di nota, nonostante sia inferiore agli altri monopattini elettrici, vista la possibilità di integrarne una seconda. Questo va a compensare subito tale limite. L’utilizzo che ne possiamo fare? Allo stato attuale del mezzo, la percorrenza migliore si esprime per brevi tragitti in città pianeggianti. Ad esempio dalla stazione al posto di lavoro, dalla macchina alla prima fermata della metropolitana e così via.

Sarebbe fantastico poterlo sfruttare anche durante i viaggi di piacere, esplorando cittadine o metropoli senza la paura di rimanere privi della giusta ricarica per poterlo guidare. Il senso di libertà che ti avvolge quando pattini sul tuo veicolo elettrico è davvero unico. L’inquinamento acustico è pari a zero, sia per te che per le persone che ti stanno attorno.

Se sei anche tu un amante dei monopattini elettrici e condividi la stessa nostra idea di esplorazione, scrivici, saremo lieti di pubblicare il tuo punto di vista!

Icona monopattinoelettrico.info
Vuoi diventare nostro partner? Vedi tutti i dettagli

Rimani sempre aggiornato!

Seguici sui nostri canali SOCIAL 😉

LASCIA UNA RISPOSTA

Scrivi un commento!
Please enter your name here